Alla Fondazione Braglia una grazia tutta tedesca